ARENA PO: grave incidente 4 morti in una vasca di liquami di una azienda agricola. 103 morti in Lombardia dall'inizio dell'anno. 30 settembre manifestazione unitaria a Milano

Pubblicato Giovedì, 12 Settembre 2019 13:33

INCIDENTE GRAVE SUL LAVORO IN AZIENDA AGRICOLA DI ARENA PO. Il 30 settembre Cgil, Cisl e Uil manifesteranno in piazza Città di Lombardia sede della Giunta Regionale.

MAGA- La morte dei 4 lavoratori dell'azienda agricola di Arena Po è una tragedia immensa. La CISL PAVIA LODI si stringe al fianco dei famigliari delle vittime. E' inaccettabile che si ripetano sistematicamente tanti incidenti gravi mortali sul lavoro. E' ormai improcrastinabile l'attuazione di una effettiva politica di sicurezza sul lavoro.

Il rispetto delle norme sulla sicurezza, gli investimenti per migliorare la sicurezza, la formazione, l'informazione e l'addestramento dei lavoratori sono fondamentali.

Devono essere inoltre aumentati i controlli da parte degli organismi preposti, assumendo il personale che manca.

12  settembre 2019- “È una tragedia agghiacciante che ci lascia tutti sgomenti e senza parole la morte di 4 operai in un’azienda agricola nel Pavese. È davvero una sconfitta per tutti”. Lo scrive su twitter la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando a caldo la notizia della morte di 4 operai annegati ad Arena Po. “La sicurezza sul lavoro è una priorità, una vera emergenza nazionale che il nuovo Governo deve affrontare insieme alle parti sociali con urgenza e con provvedimenti straordinari”, aggiunge la leader Cisl.

Sono morti tutti e quattro, annegati in una vasca di liquami dell'azienda agricola di Arena Po, in provincia di Pavia. Due corpi sono stati recuperati subito dai Vigili del Fuoco per gli altri 2 colleghi è stato necessario svuotare la vasca.

Sono deceduti i 2 fratelli proprietari dell'azienda agricola e 2 dipendenti tutti di origine indiana . L'azienda di bovini è una delle più importanti del pavese. Da mungitori sono riusciti a diventare proprietari dell'azienda. Per cause ancora da stabilire sarebbero caduti nel letame contenuto in una vasca di circa 3 metri. A dare l'allarme intorno alle 12.00 sono stati i famigliari non vedendoli tornare per il pranzo. Sull'accaduto indagano i carabinieri. Salgono a 486 i morti sul lavoro.

Il 30 settembre Cgil, Cisl e Uil manifesteranno in Piazza Città di Lombardia e chiederanno ancora una volta alla Regione di decidere l’impegno di spesa degli 8 milioni di euro (raccolti nel 2018 dalle Ats attraverso le sanzioni irrogate a seguito delle violazioni alle norme antinfortunistiche) rafforzando gli organici e i controlli nei luoghi di lavoro da parte dei servizi di prevenzione e sicurezza (Spsal) delle Ats, e azioni condivise per contrastare il tragico andamento infortunistico di questi mesi.

ustcislpavialodi©2019